Ritorno al passato... ma non proprio lo stesso

  • Scritto da Cantaloop74 il 19/11/2023 - 01:48
  • 2.6K Letture

Ciao, sono Daniele, vivo a Milano e già da un po' sto attraversando un periodo di crisi nel mio matrimonio, perciò l'anno scorso per le vacanze di Natale ho deciso di raggiungere i miei in Sicilia senza mia moglie. Una sera, insieme ad alcuni amici, sono andato a ballare in un locale. Dopo aver bevuto un paio di drink vado in pista e mi ritrovo fianco a fianco con Debby, una mia ex con la quale sono stato 5 anni. Non ci siamo lasciati nel migliore dei modi e da allora non ci eravamo piu ne visti ne sentiti. Ci salutiamo con un po' di imbarazzo, ma poi iniziamo a chiacchierare e subito riemerge il feeling che rimane in una coppia. Dopo un po', sarà per l'alcol, iniziamo a ballare e lei inizia strusciarsi addosso e mi piazza il suo culo sul pacco, che mi diventa duro. Lei apprezza e mi chiede di seguirla fuori, andiamo in macchina e iniziamo a bacciarci con foga lei mi accarezza il cazzo ormai duro e io le palpo le tettone, che nonostante gli anni, sono rimaste fantastiche. Lei mi dice che se vogliamo possiamo andare a casa sua perché il marito non c'è e il figlio è dai nonni. Io accetto e andiamo a casa sua. Quando siamo entrati in casa eravamo già quasi nudi, Debby non ha perso tempo e mi ha portato subito in camera da letto, ci siamo spogliati del tutto e lei si è subito attaccata al mio cazzo iniziando a pomparmelo da vera troia quale è sempre stata. Poi si è girata e sempre pompandomi il cazzo mi ha sbattuto la sua figa in faccia per un bel 69. Mentre leccavo mi sono reso conto che era diventata molto più larga rispetto a quando stavamo insieme, però ci stava visto che aveva avuto un figlio. Dopo un po' la troietta si è alzata e mi ha detto che se volevo continuare dovevo assecondarla, io ovviamente gli ho detto di si. Lei allora è andata verso l'armadio, ha tirato fuori una scattola e ridendo mi ha detto che quelli erano i suoi giocattoli. Poi sempre con un sorrisetto da porcellina, mi ha detto  che se volevo mi avrebbe fatto provare delle nuove esperienze. Io eccitato come un toro da monta e con le palle gonfie, gli ho detto che non vedevo l'ora. Lei allora ha tirato fuori dalla scatola delle manete e mi ha legato al letto, poi mi è salita sopra e ha iniziato a strusciare la figa sul mio cazzo duro come la pietra. Dopo di ché ha iniziato a leccarmi i capezzoli e, quando sono diventati turgidi, ha iniziato a morderli facendomi mugolare dal piacere. Quando ha capito che stavo godendo ha preso il mio cazzo e se lo è infilato nella fregna già bagnatissima, inziando a cavalcarmi come una furia, poi si è sfilata il cazzo dalla figa e se lo ha infilato in culo e con mia grande sorpresa il mio cazzo da 18 cm è entrato tutto senza nessun problema, e dire che quando stavamo insieme facevo fatica a infilarglielo. Debby si è accorta del mio stupore e mi ha detto che suo marito Marco ha un cazzone da 25 cm e che ogni volta che la scopa la incula di brutto sfondandole sia la figa che il culo. Mentre parlava del cazzone del marito, con una mano mi massaggiava le palle dicendomi che erano belle piene e che me le avrebbe svuotate per bene. Poi ha iniziato ad andare su e giu sul mio cazzo mugolando dal piacere, lo faceva entrare tutto e poi lo sfilava fino quasi a farlo uscire, andava sempre più veloce finché non è venuta gridando come una cagna e mentre veniva mi ha stretto forte le palle fino a farmi male. Ma la puttana si ricordava che mi piaceva e che sarei venuto come un porco, infatti mi ha dato altre tre botte e le ho fatto il pieno di sborra nel culo con almeno dieci schizzate. Da gran porca si è subito sfilata il mio cazzo e si è girata mettendomi il culo in faccia, poi si è aperta le chiappe e mi ha sbattuto in bocca il buco aperto che colava la mia sborra, ordinandomi di leccare e di bere tutto, io ho ubidito e le ho infilato tutta la lingua dentro, assaporando per la prima volta nella mia vita la sborra. Quel gusto un po' dolciastro e salato allo stesso tempo, mi inebriava e leccavo tutto assaporando quella delizia e mandandola giu tutta. Nel mentre Debby mi ripuliva il cazzo ancora barzotto. Quando abbiamo finito di ripulire la mia sborra, io dal suo culo e lei dal mio cazzo, lei si è distesa vicino a me e ridendo mi ha detto che ero un gran porco e che avevo bevuto la sborra come una troietta vogliosa. Io che in effetti avevo gradito, gli ho confessato che era la prima volta che assaggiavo la sborra e che mi era piaciuta molto, poi le ho chiesto se aveva sempre lo stesso sapore e lei mi ha risposto con uno sguardo malizioso, che dovevo provare altra sborra per capirlo e che se volevo ci avrebbe pensato lei. Io pensando che scherzasse le ho risposto che la cosa mi stuzzicava, allora Debby si è alzata ed è andata alla sua scatola dei giochi, l'ha presa ed è andata in bagno. Quando è rientrata in camera, me la sono trovata davanti vestita con una tuttina a rete e sopratutto con indosso uno strapon nero bello grosso. Vederla così vestita come una troia dominatrice, mi ha fatto eccitare e il mio cazzo si è subito indurito. Debby ha aprezzato e mi è saltata sopra infilandosi di nuovo il cazzo in culo, io però non riuscivo a distogliere lo sguardo da quel cazzone di gomma nera che ballonzolava sbattendo sulle nostre pance. Lei si è accorta del mio intersse e mi ha chiesto se mi piacesse. Io le ho risposto che mi eccitava molto e allora lei si è alzata e ha avvicinato lo strapon al mio viso dicendomi di aprire la bocca. Io le ho chiesto che cosa volesse fare e lei mi ha risposto che me lo voleva far provare. Io allora le ho detto che non mi andava e ho girato il viso. Debby allora ha fatto una cosa che non mi sarei mai aspettato, mi ha schiaffeggiato violentemente col cazzone, mi ha acchiappato per i capelli e mi ha obbligato ad avvicinare la bocca alla cappellona di gomma, poi mi ha ordinato di aprire la bocca e di ingoiare il suo cazzo. Io preso di sorpresa ho ubidito e ho aperto la bocca, lei ha infilato quel palo nero fino alle tonsille e nel mentre mi diceva che ero una brava puttanella, poi ha iniziato a scoparmi la bocca andando su e giù. Quella situazione di sottomissione mi ha fatto eccitare e dopo un po' ho iniziato ad assecondare i suoi movimenti cercando di ingoiare il suo cazzo. Lei allora sempre più infoiata ha iniziato a trattarmi come una troietta, gridandomi che ero sua e che se avessi fatto la brava mi avrebbe fatto godere come una cagna in calore. Poi ha sfilato il cazzo dalla mia bocca, si è spostata verso il mio culo e mi ha ordinato di alzare le cosce e di farle vedere il culo. Io ho ubbidito  chiedendole cosa volesse fare. Debby mentre guardava con interesse il mio culetto sodo e senza un pelo, non mi ha degnato di una risposta. Poi all'improvviso mi ha preso le chiappe con le mani, allargandomele con forza e mettendo in mostra il mio buchetto. Poi si è inchinata e ha iniziato a leccarmi il buco che però rimaneva bello stretto. Allora lei alza la testa e ridendo  mi dice che mi conviene rilassarmi, altrimenti non avrei goduto a dovere. Io allora le ho detto che non ero sicuro e lei per tutta risposta ha iniziato ad aprirmi le chiappe sempre più forte in modo da farmelo aprire, io allora ho ceduto e lei subito ci ha infilato la lingua dentro facendomi scappare un mugolio di piacere. Poi purtroppo il mio cazzo, che nel mentre si era ammosciato, mi ha traditto tornando bello duro facendo così capire a Debby che la sua lingua che esplorava il mio buco mi piaceva. Quando Debby si è resa conto che avevo il buchetto bello rilassato e mugolavo dal piacere, si è rialzata e senza pensarci troppo mi ha infilato un dito in culo. Mentre mi sverginava il buchetto mi guarda e mi chiede se mi piace, io eccitatissimo le rispondo di non fermarsi e allora lei mi infila un secondo dito e inizia ad andare su e giù nel mio culo facendomi scappare un gridolino di dolore misto a piacere. Ora anche lei è molto eccitata e mi grida che ero una bella troietta da inculare e che lo sapeva che ero un fighetta da dominare. Io ormai avevo il culo bello rilassato e godevo come una vacca a sentirmi insultato da lei. Poi la porca smette di stantuffarmi, mi prende le gambe e me le fa mettere sulle sue spalle, si sputa sulla mano e inizia a lubrificare lo strapon. Mi dice di rilassarmi che era arrivato il momento di farmi godere come la troia assetata di sborra che ero. Mi sento appoggiare il cazzone di gomma sul buchetto, poi con una leggera spinta lo sento entrare. Il buco si allarga a dismisura, ė teso al massimo, ma non basta per far entrare la punta del cazzo, lo sento lacerarsi. È stato un dolore lancinante, ho gridato e lei mi ha tappato la bocca, poi ha spinto ancora facendomi quasi svenire. Io piangevo per il dolore ma lei non mi ha lasciato, anzi stringendomi forte le gambe ha aspettato che passase il dolore e ha iniziato a spingerlo dentro fin quasi alla fine. Il dolore era ancora forte ma la mia ex, forse per vendetta, continuava a spingermi quei 20 cm di gomma nel culo senza darmi respiro, poi piano piano il dolore si attenuava sempre di più lasciando spazio ad un piacere nuovo ed inaspettato. Debby si è accorta che il mio culo stava godendo perché il cazzo era bello dritto, io mugolavo e assecondavo i suoi movimenti. Lei allora per provocarmi mi ha chiesto se doveva smettere e io le ho risposto di no e che lo volevo ancora più in fondo e più veloce. Debby allora dicendomi che ero proprio un frocetto col culo rotto, ha iniziato a scoparmi il culo affondando il suo cazzone fino in fondo con violenza. Io godevo e gridavo alla mia padrona di non smettere e di sfondarmi il culo sempre più forte, lei mi chiedeva se ero la sua puttanella e io le urlavo che ero la sua troietta da montare. Quella porca mi ha sfondato il culo per almeno 15 minuti, finché ad un certo punto ho sentito un calore al ventre, degli spasmi alle cosce e sulle chiappe e o iniziato a gridare che stavo per venire. Lei mi ha dato delle botte fortissime e senza toccarmi, dal mio cazzo sono usciti tre schizzate di sborra. Debby tutta felice ha sfilato il palo di gomma dal mio culo, ormai rotto e oscenamente largo, e lo ha spalmato con la mia sborra. Poi mi ha fatto aprire la bocca e dicendomi di assaggiare la mia squirtata da troietta, mi ha fatto leccare e ingoiare tutto. Io ero sfinito e senza forze, con il culo rotto e in bocca il gusto della mia sborra. Debby, anche lei provata, mi ha slegato e dopo avermi fatto mettere di fianco mi ha abbracciato come se fosse lei il maschio, appoggiandomi il cazzo tra chiappe mosce e senza forze. Ci siamo addormentati così e la mattina dopo mi sono svegliato con Debby che mi baciava sul collo e accarezzava le palle vuote e il cazzo moscio. Mi sussurrava che ero stata fantastica e che non pensava fossi una puttanella amante del cazzo. Poi mi ha detto che forse aveva esagerato e che non mi aveva solo sverginato il buchetto ma che ormai ero un rotto in culo, e subito dopo per dimostrarmelo mi ha appoggiato lo strapon al buco e senza che nemmeno spingesse è entrato tutto. Io ho emesso un mugolio di piacere e Debby ridendo mi ha detto che da ora in poi ero la sua troietta, che mi avrebbe condiviso con le sue amiche e che se facevo la brava mi avrebbe fatto provare il cazzone del marito. Dopo quella nottata ce ne sono state altre dove venivo scopata da Debby insieme alle sue amiche. Ormai ero pazzo per gli strapon  e quando sono rientrato a Milano ho anche risolto i miei problemi di coppia, infatti ho continuato a farmi sfondare come una puttana anche da mia moglie a cui ho regalato dei giochini e che ha gradito molto questa svolta. Ormai mi chiava regolarmente facendomi indossare intimo femminile chiamandomi la sua puttana Daniela.

Post New Comment

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e analizzare il nostro traffico. Si prega di decidere se si è disposti ad accettare i cookie dal nostro sito Web.